Categorie
Life&Mind TheCoach

UNA MENTE SENZA MENTE

Per quanto sia fondamentale comprendere la scienza alla base di determinati stati psicologici, ci sono alcuni stati mentali che sono molto difficili da misurare, comprendere e ancor di più da raggiungere. Tuttavia possiamo giocare con l’idea perché, sebbene questi stati mentali siano difficili da comprendere attraverso una lente scientifica, sono pensati per essere sperimentati piuttosto che sezionati. A mio avviso non bisogna confondere la conoscenza di qualcosa con l’esperienza di essa.

Quello di cui parlo qui è qualcosa che mi ha affascinato per molto tempo ed è la ragione della mia passione intelettuale  di studiare la mente e il suo ruolo nella performance. Anni fa mi sono imbattuto nel termine mushin no shin (無心の心), un’espressione Zen che significa mente senza mente. Viene anche definito lo stato di “non mente”, o abbreviato in mushin, o “nessuna mente”. È una mente non fissa né occupata da pensieri o emozioni e quindi aperta a tutto. In sostanza è ciò che gli atleti moderni chiamano “lo stato di flusso” che ho menzionato molte volte  in molti articoli del io blog. Si dice che gli antichi samurai abbiano rigorosamente addestrato la mente per raggiungere uno stato di “non mente”. In un certo senso sono stati i primi ad avere un programma formale di allenamento mentale. Avere uno stato di non mente era essenziale per sopravvivere. Avere dubbi o paura nel fervore della battaglia significherebbe morte certa. Mushin si ottiene quando la mente di una persona è libera dal pensiero. Libero dal chiacchiericcio interno della mente, dalla rabbia, dalla paura o dall’ego durante il combattimento o la vita di tutti i giorni. C’è un’assenza di pensiero e giudizio vaganti, quindi la persona è totalmente libera di agire e rispondere a una situazione  senza esitazione e senza essere disturbato da tali pensieri. L’individuo raggiunge un punto in cui non fa affidamento su quella che pensa dovrebbe essere la prossima mossa, ma piuttosto si fida del suo istinto naturale di prendere il sopravvento. È uno sforzo senza sforzo.

Il leggendario maestro Zen Takuan Sōhō lo descrive in questo modo:

“La mente deve essere sempre nello stato di ‘flusso’, perché quando si ferma da qualche parte significa che il flusso è interrotto ed è questa interruzione che danneggia il benessere della mente. Nel caso dello “spadaccino”, significa morte “…..ma per essere meno tragici diciamo che significa errore, sconfitta e via dicendo.

Quando lo spadaccino sta contro il suo avversario, non deve pensare all’avversario, né a se stesso, né ai movimenti della spada del suo nemico. Sta semplicemente lì con la sua spada che, dimentica di ogni tecnica, è pronta solo a seguire i dettami del subconscio, a laciare che le cose avvengano . L’uomo si è cancellato come portatore della spada. Quando colpisce, non è l’uomo, ma la spada nella mano del flusso dell’uomo che colpisce.

Ora, questa può sembrare un’idea stravagante per l’atleta o l’artista moderno o chiunque altro, ma possiamo vedere molti parallelismi con il “campo di battaglia” di oggi. Quante volte ti sei perso nei tuoi pensieri durante un’ azione ? Succede abbastanza spesso che la nostra mente vada alla deriva o nel passato, come un errore precedente, o verso il futuro, preoccupata per qualcosa che potrebbe andare storto. Questo stato d’animo vagante e preoccupato per i pensieri non favorisce il massimo delle prestazioni o del benessere. Ciò che l’esecutore dovrebbe addestrare è una presenza completa e assoluta. Una mente che è totalmente consapevole e in sintonia con l’ambiente circostante e ciò che deve essere fatto ora piuttosto che su ciò che è stato o deve essere fatto dopo . Dai un’occhiata alla figura qui sotto qui sotto.

Sia la mente negativa che la mente positiva sono essenzialmente distrazioni. La mente negativa potrebbe essere una preoccupazione per un errore o un commento negativo. Questo ci allontana dal presente. Allo stesso modo, una mente positiva può distoglierci dal compito da svolgere. Essere eccessivamente eccitati per qualcosa  di positivo ma parziale può distoglierti dal fatto che c’è ancora altro tempo prima di finire, ad esempio. Questo ,per esempio,   il motivo per cui molte squadre sono vulnerabili a  subire un goal e quando esse stesse hanno appena segnato.

Dove dovremmo essere invece è quel posto nel mezzo, “no mind”. Dove non siamo tirati in una direzione o nell’altra, ma piuttosto rispondiamo momento per momento alle richieste del … momento.… È solo quando siamo completamente “qui e ora” che siamo più ricettivi a muoverci in modo fluido con mente e corpo in sincronia.

 COME MI ALLENO  PER “NO MIND”?

Come ho affermato prima; non confondiamo la conoscenza di qualcosa con l’esperienza di essa. Possiamo parlare di teoria tutto il giorno, ma alla fine sei tu che devi attingere a questo stato mentale. Un modo testato per allenare questo è attraverso la consapevolezza. La consapevolezza è la pratica della consapevolezza del momento presente non giudicante, in cui osserviamo la mente con curiosità e senza dare troppo peso a questo o quello e invece notiamo la naturale attività della mente e vediamo il suo vagare come distrazioni piuttosto che come realtà assoluta. Una volta che ci accorgiamo di essere alla deriva nella mente positiva o negativa, la guidiamo dolcemente al momento presente. L’ancora più facile su cui concentrarsi è il respiro. Provalo tu stesso ora. Siediti e chiudi gli occhi. Segui il respiro per 10 volte lentamente e  guarda quanto spesso la tua mente va alla deriva.

 Con il tempo diventi più bravo a notare quando la tua attenzione è stata attirata da qualcosa e sei più in grado di guidarla indietro rapidamente. Una volta che sei diventato bravo a meditare da seduto, puoi passare a metodi più avanzati come la meditazione camminata o l’ascolto/comunicazione consapevole e alla fine vedere come puoi trasferire ciò che hai imparato nella tua performance effettiva. Raggiungere uno stato di non mente non è un compito facile e richiede una revisione costante, pazienza e una mente da principiante. Una mente non allenata è suscettibile di essere controllata dal flusso e riflusso di pensieri ed emozioni, ma essere consapevoli dei propri schemi è il primo passo verso un potenziale non sfruttato.

Come sempre; senti la forza e non forzare la sensazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.