Categorie
Life&Mind TheCoach

L’autodisciplina

Self discipline concept. Hand with chalk drawing rising arrow. Discipline and self motivation

L’autodisciplina è una qualità acquisita della personalità, espressa in auto-organizzazione, autocontrollo, responsabilità e capacità di costruire la propria attività in conformità con il piano adottato (regime, regolamentazione, programma) e non lo stato emotivo e dell’umore che prevale nella materia. Questo può sembrare l’implementazione diretta di un piano, che impiega il momento della sua formazione per iniziare l’implementazione (ad esempio, decidere una professione – iscriversi a corsi, acquistare libri specializzati e studiare – in sequenza e senza indugio). In realtà, possono trascorrere giorni e mesi tra il momento in cui si sceglie un obiettivo e l’inizio dell’attuazione effettiva delle azioni per la sua attuazione (la lettura dei libri è ritardata, i corsi vengono frequentati ogni altra volta). potere di autodisciplina influenza significativamente l’efficacia dell’attività proposta, la velocità e il grado di sviluppo umano. 

L’autodisciplina è il metodo più efficace di autosviluppo e di lotta con le dipendenze, nonché le abitudini negative (essere in ritardo, incasinare, cogliere situazioni problematiche, contenimento delle emozioni ). In varie aree moderne specializzate in metodi di sviluppo della personalità e autosviluppo, qualunque sia la manifestazione che possono avere (psicologia, attività fisica, educazione), all’autodisciplina viene assegnato il ruolo principale. 

Il concetto di autodisciplina 

Per definire e comprendere nel modo più corretto cos’è l’autodisciplina, capire il termine “disciplina” è necessario. La disciplina è definita come la capacità di una persona di aderire rigorosamente a determinate norme e principi di vita. La disciplina è in gran parte , purtroppo, dovuta a fattori motivanti esterni e non a convinzioni interne (ad esempio, una persona viene al lavoro in tempo, perché ha paura del licenziamento; segue l’aspetto e l’ordine nel vestirsi perché vuole essere accettato nella società). 

La disciplina si manifesta seguendo una routine specifica e completamente naturale, adottata in un certo ambiente sociale. 

Perché appaia l’autodisciplina, sono necessari fattori interni e disciplinanti, ad es. il suo sviluppo richiede autodisciplina, che inizialmente confonde una persona. Questo circolo vizioso è risolto dalla definizione di autodisciplina nel contesto dell’approccio all’attività. 

L’autodisciplina implica una stretta aderenza al percorso e al piano scelti, nonché il rifiuto di azioni che si allontanano dall’obiettivo. Questo comportamento richiede un alto livello di consapevolezza quando si svolgono attività e ci si concentra sull’obiettivo. 

Di solito i problemi con la disciplina e l’autodisciplina sorgono quando una persona si costringe a fare cose indesiderabili o a fare cose che possono essere in grande conflitto con le credenze e i principi della persona stessa. Questo è un orientamento di obiettivi e bisogni , che non deriva da una profonda comprensione interna di se stessi, ma dalla copia degli atteggiamenti e dei modi di vivere delle altre persone. E copiare, paradossalmente, è sempre più difficile che vivere con le proprie conoscenze. Quando i tentativi di raggiungimento e di autodisciplina forzata falliscono, non dovresti pensare a quale tecnica di sviluppo dell’autodisciplina sia ancora necessaria, ma dovresti pensare a se vuoi davvero esattamente ciò a cui aspiri . 

Nella pratica psicoterapica, ci sono spesso casi in cui una persona fa enormi sforzi per raggiungere un determinato obiettivo scelto , passa molto tempo, consuma risorse esterne e interne senza arrivare a niente . In tali casi, spesso è possibile rivelare a se stessi un’esigenza completamente diversa , che può essere soddisfatta con metodi meno costosi e più adeguati. 

Il livello di sviluppo e le manifestazioni di autodisciplina non sono un valore costante e dipendono dall’adeguatezza degli sforzi compiuti. Il livello di disciplina diminuisce con l’aumentare dell’impulsività e della distrazione, così come verso la fine della giornata con l’affaticamento crescente. 

L’autodisciplina ha un certo grado di dipendenza associato alle caratteristiche dell’ambiente sociale. Quindi, essendo in contatto con una persona disciplinata, aumenta in genere anche il nostro livello di disciplina, e viceversa, essendo in condizioni rilassate, accanto alle persone che si divertono, il livello di autodisciplina potrebbe diminuire. 

Psicologia dell’autodisciplina 

La psicologia dell’autodisciplina è uno degli argomenti più popolari legati all’auto-sviluppo (spirituale, mentale, intellettuale o fisico). Sempre più persone si trovano ad affrontare il fatto che il principale ostacolo al raggiungimento di un obiettivo non è la mancanza di conoscenza, di abilità pratiche o di incoerenza delle condizioni e così via, ma una mancanza di autodisciplina. 

La psicologia dell’autodisciplina comprende cinque processi di base: valutazione della propria condizione, forza di volontà, lavoro diretto, diligenza e perseveranza nell’obiettivo. 

Valutare la propria condizione, il livello di sviluppo dell’abilità selezionata, il grado di prossimità o lontananza dall’obiettivo e i compiti necessari che ostacolano il suo raggiungimento sono tutti quegli elementi della realtà che è necessario notare e valutare prima di procedere con cambiamenti attivi. Le prospettive e la valutazione sia positive che negative possono dare risultati negativi sull’efficacia dei risultati, poiché con una percezione eccessivamente positiva della situazione, saranno prodotti meno sforzi del necessario e con negatività si tenderà a fare più di quanto una persona possa fare senza farsi del male. 

La forza di volontà sviluppata è ciò che ti consente di agire, superare l’inerzia accumulata del vecchio stile di vita. È impossibile ottenere cambiamenti qualitativi usando solo la forza di volontà, tuttavia è lei che dà il primo impulso alle azioni e alla creazione di nuovi modelli di comportamento, secondo un piano precedentemente selezionato. Il compito dell’individuo è massimizzare l’uso del potenziale energetico della forza di volontà per quel breve periodo prima che l’energia si esaurisca e dare una carica inerziale alla nuova attività. In questa fase dello sviluppo dell’autodisciplina, è necessario prevenire possibili remissioni (coloro che perdono peso dovrebbero rimuovere tutti i cibi ipercalorici, decidere di correre, avere un abbonamento a una palestra o un amico che li porterà fuori per una corsa e coloro che normalizzano la loro routine quotidiana dovrebbero impostare i timer di spegnimento di Internet e altre forme di comunicazione). 

Il lavoro diretto è una componente integrale dell’autodisciplina, perché solo facendo sforzi significativi è possibile ottenere un risultato. Se una persona continua a svolgere qualsiasi attività, facendo gli sforzi nella stessa misura di prima, lo sviluppo non si verifica. 

Il potere di autodisciplina aumenta in un momento in cui vengono compiuti sforzi significativi verso l’obiettivo scelto. Lo sforzo prevede l’esecuzione delle azioni necessarie in un periodo di tempo specifico e predeterminato, indipendentemente dal fatto che vi sia un desiderio, un interesse o una disposizione emotiva a farlo. . È qui che la tentazione è di non soddisfarli, quindi il risultato inizia ad allontanarsi e il livello di difficoltà aumenta, l’autodisciplina crolla. 

La perseveranza consiste nello svolgere azioni, anche quando la motivazione si è prosciugata e si desidera abbandonare tutto, questa è un’opportunità per continuare ad agire, anche se emotivamente una persona non è assolutamente pronta o non vuole fare queste cose ora. La perseveranza nel raggiungimento degli obiettivi necessari si manifesta nel costante monitoraggio del livello di sviluppo delle competenze necessarie e nell’avvicinarsi al risultato, a seconda del quale può cambiare la strategia comportamentale o addirittura il rifiuto di svolgere questi compiti. Ad esempio, è meglio annullare un allenamento con l’influenza al fine di ripristinare la forza del corpo che andare in palestra e avere complicazioni che potrebbero rendere impossibile il raggiungimento dell’obiettivo prescelto. 

Abbiamo esaminato le principali componenti psicologiche dell’autodisciplina, sulla base delle quali è possibile pianificare le modalità e i metodi del suo sviluppo. 

Come sviluppare l’autodisciplina? 

Lo sviluppo dell’autodisciplina è un processo che richiede un costante mantenimento, dal momento che tutte le abilità acquisite nel tempo diventeranno inutili quando cesseranno le azioni dovute alla disciplina. Tuttavia, con una formazione costante, la capacità di impostare e svolgere compiti sempre più complessi aumenta e si ottengono risultati con meno sforzo.

Prima di procedere direttamente allo sviluppo dell’autodisciplina, si dovrebbe decidere sui propri obiettivi, desideri, capire perché e se è necessario disciplinarsi o no. Questo è un lavoro molto profondo, che influenza le aree esistenziali dell’autodeterminazione di una persona e può richiedere parecchio tempo. Ma il tempo speso pagherà profumatamente, perché rapidamente alcuni cambiamenti inizieranno a verificarsi nella persona. Quindi, realizzando i motivi della sua vita, essendo entrato in contatto con la ricerca del proprio senso , diventa impossibile trascorrere ore in giochi e social network, impegnarsi in varie assurdità. 

Inoltre, è necessario eliminare i fattori di interferenza e di distrazione che ritardano il momento di auto-miglioramento (qui è importante determinare il tempo di lavoro e il tempo di svago) . Vale la pena identificare le aree in cui è abbastanza facile formare un’abitudine, che di solito si forma nel corso di ventuno giorni e concentrarsi su attività quotidiane consapevoli.

È importante ricordare in ogni fase che l’autodisciplina è un mezzo, non un fine, e non si propone di organizzare completamente la sua vita; dovrebbe esserci sempre un posto per la creatività e lo svago. È anche importante correlare gli obiettivi con i tuoi bisogni e le tue caratteristiche: non forzarti a svegliarti all’alba, se sei un gufo, solo per motivi di sviluppo dell’autodisciplina. 

Il legame diretto tra il livello di autodisciplina e la motivazione è stato a lungo notato sia dagli scienziati che dalla gente comune. Quando una persona è consapevole dei propri obiettivi, vede le prospettive di ulteriore sviluppo e le acquisizioni desiderate, è più facile per lui svolgere determinati compiti, seguire il piano costruito. Più gli obiettivi vengono prolungati per un periodo di tempo più lungo, maggiore è la probabilità di adempimento interessato di compiti intermedi. L’interconnessione dei compiti quotidiani tra loro e il raggiungimento di qualcosa di significativo in futuro aumenta significativamente l’interesse personale, la motivazione e, di conseguenza, l’autodisciplina. 

Come sviluppare l’autodisciplina? Per fare ciò, si consiglia di suddividere casi grandi e complessi in attività più piccole e più semplici, pianificando le cose nel programma giornaliero. È importante dare la priorità a questo o quel compito e, successivamente, è bene fare le cose in base alla valutazione di priorità, senza scivolare su questioni più piccole e meno significative (perché sono più semplici) . 

Nell’adempiere al piano, la motivazione e la capacità di rispettare le scadenze sono importanti. Qui, una tecnica per sviluppare l’autodisciplina, come informare gli amici e il pubblico sul progetto pianificato e sui tempi della sua attuazione, può venire in soccorso . Puoi anche suddividere tutto il lavoro necessario in diversi pezzi visibili, per realizzare i quali ti puoi incoraggiare con qualcosa di piacevole. È importante monitorare non solo la scadenza per il completamento dell’incarico, ma anche la durata del periodo necessario per il completamento. Vale la pena notare quanto tempo puoi dedicare a una determinata attività e smettere di farlo dopo un determinato periodo di tempo.

Tuttavia, vale la pena avvicinarsi con attenzione a questi elementi in modo che il desiderio di raggiungere l’obiettivo non diventi un fine in sé e non porti via riposo, alimentazione normale, sonno e così via. In questa modalità, una persona non può funzionare normalmente, quindi uno dei compiti principali dell’autodisciplina è la sua applicazione per garantire equilibrio. Più una persona sarà riposata, sana ed energica, più facile sarà per lui orientare la sua attenzione sull’organizzazione dei processi . 

Lo sviluppo dell’autodisciplina deve iniziare gradualmente, proprio come l’allenamento fisico. Il corpo ha bisogno di tempo per adattarsi a una nuova modalità di funzionamento. Il criterio principale per valutare se una persona si sta muovendo nel modo giusto nello sviluppo dell’autodisciplina è la sua autocoscienza positiva e la presenza di risultati visibili. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.