Categorie
Life&Mind TheCoach

Harry Carpenter: sbloccare la tua prestazione atletica di picco attraverso la padronanza della mente subconscia

Harry Carpenter approfondisce quella “cosa nella tua testa” che controlla il risultato di ogni tiro, servizio, swing e “passaggio” che accade durante la pratica del tuo sport preferito. Quella cosa, ovviamente, è la mente subconscia e padroneggiarla porterà te o i tuoi atleti un passo avanti verso il successo.

Gli allenatori spesso sono frustrati perché hanno visto lampi di quanto un atleta può’ essere bravo ma la cosa non si ripete di frequente . Nonostante un atleta abbia trascorso tante ore in più per affinare le sue abilità non si ottengono passi in avanti e questo perché non si riesce a gestire il proprio subconscio .

Harry alcune grandi domande nel mondo del gioco sportivo e nel subconscio.

Cos’è “The zone” e come possono gli atleti arrivare e rimanere lì?

Harry Carpenter: Credo che giocare nella zona significhi giocare nello stato alfa. In alfa, un atleta è fortemente concentrato e il suo subconscio e’ impegnato a “fare” , cioè l’esecuzione dell’azione. È rilassato ma pronto a reagire usando i mezzi necessari e non di più. Il nervosismo e la reazione eccessiva causano tensione e azioni non necessarie, che impediscono la fluidità. La sua mente cosciente dovrebbe essere solo un osservatore.

Ecco come immagino funzioni; per prima cosa osserviamo gli stati di coscienza verticalmente. Nella parte superiore c’è lo stato di veglia, beta, in cui la frequenza delle onde cerebrali è di 14 cps (cicli al secondo) e superiore. Sotto c’è lo stato alfa con frequenze da 8 a 13 cps. Il prossimo è lo stato theta, da 4 a 7 cps, e in basso c’è delta, o sonno, 3 cps e meno.

Onde cerebrali

Ora pensa in orizzontale. Diciamo che sei in alfa. Mentre sei in alfa, puoi andare verso uno stato simile al coma, totalmente inconsapevole dell’ambiente.

D’altra parte, spostandoti nell’altra direzione rimani vigile e puoi funzionare, ma sei ancora nell’alfa dove domina il tuo subconscio. Questo è analogo a quando l’ipnotizzatore di scena dà al soggetto un comando di fare qualcosa, di solito qualcosa di imbarazzante, e il soggetto si alza dalla sua trance (“come”) e si comporta come se fosse nello stato di veglia.

Gli atleti che vogliono giocare nella”zona”devono esercitarsi ad andare in alfa. Mentre sono in alfa, devono condizionarsi per aprire gli occhi e rimanere in alfa. Questo richiede una pratica seria.

Gli atleti che vogliono giocare nella zona devono esercitarsi ad andare in alfa (stato)

I principi sono gli stessi per qualsiasi sport.

Perché devi giocare inconsciamente piuttosto che consciamente?

Harry Carpenter: Non puoi giocare al meglio quando usi la tua mente cosciente per eseguire movimenti fisici o azioni complesse. La prima volta che esegui un movimento complesso, parli consapevolmente a te stesso attraverso di esso. E lo fai un passo alla volta perché la tua mente cosciente può fare solo una cosa alla volta.

Ricorda di aver fatto qualcosa per la prima volta . Il processo è stato innaturale e ha richiesto diversi tentativi. Dopo aver correttamente eseguito alcune volte, il processo è stato delegato al tuo subconscio dove è diventato un’abitudine.

Prendi qualcosa di più complesso, come uno swing da golf. Mi è stato insegnato che ci sono 31 elementi per un buon swing di golf. Le prime volte che ho fatto oscillare una mazza, ho pensato a ogni passo. Questo movimento graduale produceva un’oscillazione come un tremolante film d’altri tempi. È stato solo quando ogni passo è stato trasferito al mio subconscio, che può fare un milione di cose alla volta, che il mio swing è diventato fluido.

Quando viene eseguita un’attività complessa

Quando un compito complesso viene eseguito dal subconscio, è:

Facile perché il tuo subconscio può gestire un numero illimitato di compiti contemporaneamente senza alcun pensiero (conscio),

Senza sforzo perché è inconscio,

Grazioso perché è un movimento unificato e coordinato, e

Naturale perché non ci pensi.

È lo stesso in tutti gli sport, ogni azione ha una miriade di cose a cui pensare. Nel tennis, ad esempio, un elenco parziale di azioni per un diritto potrebbe includere: muovere i piedi, mettersi in una buona posizione, dondolare leggermente all’indietro, rimanere rilassati, polso rigido all’impatto, angolo della racchetta, piegare le ginocchia, peso sulle dita dei piedi, colpire la palla in avanti, oscillare dal basso verso l’alto, aprire i fianchi, seguire il bersaglio, prepararsi per il tiro successivo.

È troppo a cui pensare. Ogni azione ripetitiva nello sport deve divenire un abitudine ed eseguita a livello inconscio senza pensare.

A un saltatore in alto che aveva appena stabilito un record è stato chiesto a cosa stesse pensando mentre stava facendo il suo salto. Ha detto: “Quando ho iniziato la mia corsa sapevo solo che l’avrei fatto, ma dopo non ricordo nulla fino a quando non ho superato l’ asta”.

Il pensiero incasina solo il tuo subconscio e ostacola il gioco.

Perché pensare di vincere, o impegnarci troppo per vincere, ci sabota dal raggiungere il nostro massimo potenziale?

Harry Carpenter: Stai giocando al top del tuo gioco e stai vincendo. Altri tre punti e vinci la partita. È fantastico. Inizi a pensare: “Wow! Sto ottenendo l’oro. Questo è fantastico. È quasi ora. Il mio gioco è caldo. Basta non commettere errori ora. Vacci piano ora. Senza errori.” Il tuo “gioco” inizia a sgretolarsi e perdi. Pensavi di averlo in tasca . Quello che è successo? Lo hai soffocato!

Hai iniziato a pensare, a pensare con la tua mente cosciente. Fino ad allora eri sciolto e giocavi per abitudine, lasciando che il tuo subconscio giocasse, giocavi sciolto, totalmente concentrato sull’azione senza pensare. Ora stai giocando consapevolmente, pensando al futuro, a vincere, a mostrare la tua medaglia d’oro che ancora non hai . La tua mente cosciente ha preso il sopravvento. Stai pensando di non commettere errori, il che significa che stai pensando a degli “errori”. Ora, gli “errori” sono un obiettivo del tuo subconscio.

Pensare a errori immaginari porta anche la paura di perdere. Anche una piccola paura provoca senso di oppressione e la tensione inibisce il movimento.

Suggerimenti su cosa fare quando si avverte un segno di soffocamento:

Rimani nel presente. Non pensare alla vittoria (che è nel futuro) o all’ultima giocata (che è nel passato). Rimani nel presente. La tua mente cosciente può pensare solo a una cosa alla volta, quindi occupala dell’immagine del risultato perfetto o, nel caso di uno sport con la racchetta, guarda la palla.
Esegui tutto al meglio che puoi. Esortare o esortatore te stesso, a giocare meglio sul punto successivo perché è importante, mette in primo piano la tua e la sua mente cosciente, il che è controproducente.
Se dici a te stesso che il prossimo punto è cruciale e devi vincerlo, il tuo subconscio sente che sarebbe disastroso perdere il punto successivo, quindi irrigidisce il sistema e non esegui bene. In altre parole, soffochi. Evita questi errori praticando nel miglior modo possibile in ogni momento.

Non giudicare il tuo gioco. Gioca senza pensare in modo critico. Sii un osservatore impassibile. Il pensiero critico è un’attività della mente cosciente. Osserva cosa sta succedendo e lascia che il tuo subconscio faccia gli aggiustamenti.


Rilassare. Fai dei respiri lenti e profondi. Immagina quel magico raggio di luce che si muove attraverso il tuo corpo mantenendoti rilassato. La visualizzazione è uno strumento potente. Usalo per rilassarti.


Sii sicuro di te stesso. La fiducia autentica vince la paura. Sappi che puoi praticare bene perché tutto ciò di cui hai bisogno è programmato nel tuo subconscio. Come ultima risorsa, se senti diminuire la tua fiducia, comportati come se fossi sicuro di te.


Perché indicazioni e istruzioni “sciocche” spesso possono essere più efficaci di quelle semplici, ma descrittive per gli atleti?

Harry Carpenter: Perché il tuo subconscio è radicalmente diverso dalla tua mente conscia. Mentre la tua mente conscia è matura e logica, il tuo subconscio è immaturo e illogico. Pertanto, i comandi sciocchi sono accettati più prontamente dal tuo subconscio rispetto a quelli logici.

Il tuo subconscio comunica in modo diverso rispetto alla tua mente conscia. Il tuo subconscio non ti parla a parole. Hai mai sognato a parole? No, il tuo subconscio ti parla con emozioni e immagini, e le immagini sono per lo più immature e illogiche. Se vuoi inviare un messaggio al tuo subconscio, non parlarne con fatti sofisticati. Invece, crea una semplice affermazione di parole che evocano emozioni e immagini, più sciocche sono, meglio è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.