Categorie
TheCoach

Cos’è una peak experience o esperienza di picco

Concetto  introdotto da Maslow che fa riferimento a quell’esperienza di particolare euforia e benessere che si può vivere in momenti di estrema felicità. E’ una esperienza che consente alle persone ad entrare in contatto profondo con qualità fondamentali della vita.

“E ‘stato come saltare attraverso un ostacolo, come correre in una galleria, con pareti di vibrante silenzio, il tempo si è fermato, ho avuto pieno accesso a tutti i miei muscoli, a tutto il corpo, le mie sensazioni sono state brillanti, c’era un senso di gioia e di amore …”. Cosi diceva Bob Beamon.

Le persone, come Bob Beamon, non si rendono conto di cosa accade in questi momenti e non sono consapevoli che stanno utilizzando loro risorse in grado di generare una peak experience. Di conseguenza, non sono in grado di utilizzare tali risorse per migliorare la qualità della loro vita quotidiana.

Il concetto di auto-realizzazione di Maslow

Il concetto di peak experience proviene originariamente da Maslow che fu uno dei fondatori della psicologia umanistica nella quale la ‘realizzazione di se stessi’ costituiva un aspetto centrale. Secondo Maslow la peak experience  è parte indissolubile “dell’auto-realizzazione”.

In psicologia, l’autorealizzazione si ottiene quando sei in grado di raggiungere il tuo pieno potenziale. Essere veramente auto-attualizzati è considerato l’eccezione piuttosto che la regola poiché la maggior parte delle persone lavora per soddisfare bisogni più urgenti. 

Gerarchia dei bisogni di Maslow 

piramide di Maslow

Lo psicologo Abraham Maslow delinea ciò che è noto come una gerarchia di bisogni , che rappresenta tutte le varie esigenze che motivano il comportamento umano. La gerarchia viene spesso visualizzata come una piramide, con i livelli più bassi che rappresentano i bisogni di base e i bisogni più complessi situati nella parte superiore della piramide. 

Al culmine di questa gerarchia c’è l’autorealizzazione. La gerarchia suggerisce che quando gli altri bisogni alla base della piramide sono stati raggiunti, puoi concentrare la tua attenzione su questo pinnacolo di auto-realizzazione. 

Ne ha dato la seguente definizione nel libro Verso una psicologia dell’essere: “…un episodio o un’improvvisa ondata, in cui tutte le potenzialità di una persona scorrono insieme in modo particolare, orientato all’obiettivo ed intensamente gratificante, nel quale la persona è più integrata e meno scissa, più aperta all’esperienza, maggiormente mossa dalla sua specifica natura o disposizione, più spontanea ed espressiva, più pienamente funzionante, più creativa, umoristica, ego-trascendente, meno dipendente dai suoi istinti più bassi, ecc. In questi momenti l’individuo diventa più pienamente se stesso, più forte nella realizzazione delle sue capacità, più vicino all’essenza del suo essere, più pienamente umano…

Il processo del flusso

Molto più frequentemente ci troviamo a sperimentare una sensazione di flusso, in cui tutte le cose sembrano scorrere con facilità e piacere. “Un atto viene eseguito apparentemente senza sforzo, l’obiettivo del flusso è di continuare a fluire”.

Questa sensazione di flusso è preparatoria alla peak experience successiva, anche se può essere una esperienza presente di per se stessa nella nostra vita quotidiana. 

Le caratteristiche della peak experience

1. Variazione nella percezione del tempo che sembra fermarsi o espandersi all’infinito, rallentare, o al contrario, accelerare.

2. Cambiamento o distorsione della percezione dello spazio, cambiano le dimensioni fisiche o le forme; una buca da golf diventa improvvisamente grande come una vasca da bagno in modo che non la si può mancare. L’esperienza diventa ‘incorniciata’, sembra emergere dal contesto in un forte campo energetico.

3. Avvengono cambiamenti in tutte le percezioni sensoriali, nella vista, nell’olfatto e nel suono. Tutti i sensi diventano più sensibili. I colori possono cambiare e diventare più brillanti; un albero ricoperto di neve può ‘cambiare’ il suo colore in verde brillante; un silenzio può diventare udibile e la vista può aguzzarsi.

4. L’esperienza è percepita come la rottura di un confine, o come l’espansione di quest’ultimo, anche se non conduce a una medaglia d’oro e non è in gioco una prestazione vera e propria.

5. Le persone affermano di aver avuto un’esperienza transpersonale, di trasformazione o religiosa. Sono stupite; si sentono come se avessero raggiunto l’obiettivo della loro vita e lo esprimono come ‘se morissi proprio adesso, andrebbe bene così’.

6. Il corpo è sempre coinvolto nell’esperienza, ma ci può anche essere una mutata percezione delle sensazioni o dei movimenti. Gli individui descrivono spesso questa esperienza con i movimenti delle mani e delle braccia, proprio per mostrare l’espansione – qualcosa di grande, più grande di loro.

7. Le sensazioni che accompagnano l’esperienza sono la morbidezza, l’amore, la felicità, la semplicità, l’integrità, la grazia del corpo (che indica anche la mancanza o l’assenza di paura). Le persone ricordano sempre una parte dell’esperienza in modo molto chiaro, come ‘una scintilla’; almeno una parte spicca in modo molto chiaro, non importa quanti anni prima sia accaduto.

8.  Una peak experience non è facilmente condivisibile; di solito è vissuta come qualcosa di unico. Quando nessun altro assiste a questa esperienza, molti si sentono soli o isolati con essa, a volte addirittura bloccati.

9. C’è un senso interiore di significato profondo, come se si fosse ricevuto un ‘messaggio’, si sente la direzione della vita, la sua essenza; si sente una voce che parla alla persona coinvolta.

10. L’attività in cui rientra la peak experience è spesso orientata a uno scopo.

11. L’esperienza coinvolge un livello molto alto di energia o uno stato di carica elevata sia psicologicamente che nel corpo muscolarmente .

Tecniche corporee per creare il flusso e raggiungere la peak experience

Il corpo è coinvolto sia nella fase di flusso che nel momento della peak experience. Avvengono cambiamenti nella percezione del corpo, descritti a volte come ‘un movimento con una sorta di morbidezza, o grazia’ . Il flusso appartiene al corpo. E’ come un riscaldamento, una preparazione del corpo, che lo rende caldo e forte, per entrare in uno stato di alto livello energetico.

Entrare nel flusso è anche una pre-condizione per raggiungere una peak experience. Può persino sopraggiungere del disagio fisico e richiede disciplina. L’abitudine, si trasforma così in un ‘rituale’. Un esempio è un violinista, che si esercita quotidianamente per molte ore, al fine di ottenere questo flusso. Spesso la peak experience avviene in modo imprevisto, ‘improvvisamente c’è solo la musica, invece dell’esercizio’. Un altro esempio frequente è quello degli atleti che battono record mondiali durante l’allenamento.

Le risorse della peak experience 

Spesso le persone si sforzano per raggiungere qualità intrinseche nella peak experience, senza essere consapevoli delle risorse in essa contenute. Quando le persone possono accedere a tali risorse, raggiungono la possibilità di scegliere attivamente quando, dove e come si può proseguire e integrare questi aspetti nella vita quotidiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.