Categorie
TheCoach

12 modi per migliorare la concentrazione

La capacità di concentrazione è un’abitudine della mente

Quando eri bambino, come tutti i bambini, ti è stato detto numerose volte: “Fai attenzione!” Ora sei abbastanza grande e potresti avere di nuovo quel problema. I processi di invecchiamento rendono molti anziani distratti come lo erano da bambini. Poche persone dicono a un adulto “Fai attenzione”, quindi potresti dover essere il tuo stesso sorvegliante.

Il presupposto implicito in tutto questo è che le persone imparino a concentrarsi e devono ricordare spesso di padroneggiare la capacità di concentrazione. Nel corso degli anni, le persone possono migliorare la loro capacità di concentrazione. La capacità di concentrazione è un’abitudine della mente, che deve essere acquisita attraverso anni in cui ci dobbiamo ricordare di farlo e lo si fa. Se questa abitudine si è deteriorata, non è troppo difficile re-impararla.

Certo, con gli scolari di oggi è un’altra questione. Qualsiasi insegnante esperto ti dirà che le capacità di attenzione dei bambini di oggi sono orribili e molto più brevi di quanto fosse tipico una generazione fa. Il problema è la nostra nuova era del multitasking, in cui il continuo passare dagli sms alle telefonate alla navigazione sul Web ai videogiochi e simili sta facendo scervellare i nostri bambini.

Tutti sanno che per imparare e ricordare le cose bisogna prestare attenzione. Il trucco è come renderti più attento, piu’ concentrato.

Cosa si fa per migliorare la propria capacità di concentrazione? Ci vuole la disciplina del frequente ricordo di sé. Impari a concentrarti costringendoti a farlo, ancora e ancora, finché non diventa un’abitudine, un modo di pensare. Ecco alcuni suggerimenti specifici:

  1. Valutare l’attenzione. Renditi conto che crei la tua realtà personale in base a ciò a cui presti attenzione. Tutti noi otteniamo dalla vita molto meno di quanto potremmo, perché non prestiamo attenzione.
  2. Vivi nell’adesso. Un esperto di questa filosofia, Eckhart Tolle, afferma: “Le lancette dell’orologio si muovono, ma è sempre così”. Afferra il presente intensamente. Non puoi conoscere il futuro e non puoi rifare il passato. Puoi correggere le debolezze e gli errori passati e ridurne le probabilità in futuro, ma deve essere fatto nel presente.
  3. Sii più consapevole. Prestare attenzione a ciò che stai facendo, perché e come. Sii consapevole di come ti senti. Le emozioni influenzano la capacità di concentrazione. Se come ti senti interferisce con la tua concentrazione, cambia come ti senti. È una scelta.
  4. Nota le piccole cose. Sviluppa un occhio per i dettagli. Guarda la foresta, ma guarda anche gli alberi (e le foglie, la corteccia, gli insetti, gli uccelli, gli scoiattoli e tutto il resto). Nota i piccoli piaceri della vita. Questo ti insegna a concentrarti e ti rende più felice. Punta su cose che sono divertenti e forniscono un rinforzo positivo.
  5. Stabilisci obiettivi e monitora i tuoi progressi. Tieni traccia di come stai raggiungendo gli obiettivi e quali aggiustamenti devono essere fatti lungo il percorso.
  6. Identifica i tuoi “bersagli di attenzione”. Pensa a ciò che stai vivendo come bersagli per l’attenzione e prendi la mira mentale. Gli obiettivi dovrebbero essere interessanti o avere un valore chiaro. Se questi attributi non sono evidenti, devi abilitarli consapevolmente. Fai scelte difficili sui tuoi obiettivi di attenzione. Presta attenzione a quelle cose che servono ai tuoi migliori interessi. Scegli obiettivi di attenzione stimolanti, quelli che ti spingono al limite delle tue competenze.
  7. Elimina le distrazioni. Non lasciarti sviare dalle interruzioni o dal vagare della mente. Nei tornei di memoria, i concorrenti indossano i tappi per le orecchie. Si dice che i tedeschi indossino occhiali con paraocchi laterali. Alcuni concorrenti si mettono davanti ad un muro bianco.
  8. Non multitasking. Questo è l’arcinemico dell’attenzione e interferisce profondamente con la capacità di apprendere e soprattutto di ricordare. Il multitasking crea un modo di pensare superficiale che mette in pericolo anche la capacità di pensare profondamente in situazioni intellettualmente impegnative.
  9. Combatti la noia. Rendi i tuoi obiettivi di attenzione più coinvolgenti creando competizione o trasformandoli in una sorta di gioco. Ravviva il lavoro noioso pensandolo in modi nuovi. Trova dei modi per cambiare il ritmo della tua attenzione.
  10. Fai lavorare le emozioni per te. Sviluppa una passione per ciò che vivi, poiché attirerà la tua attenzione. Il bacio della morte nell’ imparare è annoiarsi e distaccarsi da ciò che stai cercando di imparare. Chiedi a qualsiasi insegnante di scuola quanto sia un grande problema per così tanti studenti.
  11. Pratica l’attenzione. Acquisire una buona capacità di concentrazione non è molto diverso dallo sviluppare un buon swing nel golf. Devi esercitarti. La psicologa Ellen Langer suggerisce di fissarti il dito per esempio. Attenzione la coltivi tanto più’ riesci a notare: lo sporco, la distribuzione dei peli, il disegno delle pieghe cutanee, la forma delle nocche, e le caratteristiche dell’unghia (forma, colore delle rapide, creste, ecc.). Fai esercizi simili con qualsiasi oggetto che incontri. Scoprirai che le esperienze di vita quotidiana diventano più coinvolgenti.
  12. Impara a meditare. Guarda per quanto tempo puoi mantenere la concentrazione sul respiro e tenere fuori tutti i pensieri intrusivi. Nota tutte le cose associate alla respirazione, ma nient’altro. Ascolta il suono dell’aria in movimento ad ogni respiro. Senti il ​​battito nel collo. Se non lo senti, piega il collo o sdraiati per sentirlo nella schiena . Notare il ritmo e il graduale rallentamento. Senti i tuoi vestiti cambiare posizione e la tensione che fuoriesce dai muscoli, prima nella mascella, poi nella schiena e nelle gambe. La meditazione insegna al cervello come concentrarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.